Home » cinema, tv e salute » Junior: piante carnivore

Junior: piante carnivore

JUNIOR PIANTA MORDICCHIOSA: LE PIANTE CARNIVORE

JUNIOR PIANTA MORDICCHIOSA: LE PIANTE CARNIVORE - EDUCAZIONE ALLA SALUTE

 

"Junior pianta mordicchiosa" è il titolo italiano del cartoon statunitense "Little shop" in 13 episodi del 1991, trasmesso per la prima volta nel nostro paese su Italia 1 nel 1994. Si ispira liberamente al musical "La piccola bottega degli orrori"composto da Alan Menken con testi e libretto di Howard Ashman nel 1982 e  a sua volta basato sul film omonimo di Roger Corman del 1960.

 

Tuttavia, l'atmosfera horror che caratterizza il prodotto originale e che ruota intorno ad una mostruosa ed insaziabile pianta carnivora viene completamente stravolta e stemperata a favore di una rivisitazione comica della stessa che ora è in grado di parlare, ipnotizzare le persone e sputare semi dalla bocca. Inoltre, nel titolo stesso della versione italiana l'aggettivo "carnivora" è sostituito da "mordicchiosa" mentre entrambi persistono nella sigla italiana cantata da Cristina D'Avena che puoi ascoltare cliccando sull'immagine di questo box.

 

Gli episodi presentano intermezzi musicali tipici del musical, realizzati mediante le performance di un trio di fiori cantanti, e hanno spesso una morale. In pratica, raccontano la storia di Seymour Krelborn, un adolescente che lavora in un negozio di fiori e che possiede appunto una simpatica ed estroversa pianta carnivora di nome Junior, nata da un seme di 200 milioni di anni fa.

 

Tale presupposto narrativo si basa sull'esistenza in natura di singolari piante che si nutrono di insetti e che per tale motivo sono appunto dette "carnivore". Si tratta di affascinati esemplari che hanno sviluppato questa singolare strategia nutrizionale in quanto si sono evolute in terreni molto poveri, come le torbiere, in cui è praticamente impossibile ricavare nutrimento attraverso le radici. Hanno, quindi, sviluppato interessanti e singolari strutture in grado di catturare gli insetti per poi cibarsene. La maggior parte di esse può vivere anche in ambiente domestico in un semplice vaso purchè si utilizzi terreno specifico per piante carnivore o si prepari un mix tra torba di sfagno e agriperlite. Non necessitano ovviamente di concime e vanno innaffiate solo con acqua distillata e demineralizzata, ovvero la stessa che si utilizza comunemente per il ferro da stiro. Vediamo quali sono le specie più diffuse.

PIANTE CARNIVORE: LA DIONEA

PIANTE CARNIVORE: LA DIONEA - EDUCAZIONE ALLA SALUTE

 

E' la pianta carnivora a cui si ispira maggiormente Junior e forse la più conosciuta. Inoltre, la dionea somiglia molto anche alla Pakkun Furawā (pianta piranha), la pianta carnivora nemica di Mario Bros. Presenta caratteristiche foglie a forma di bocca, disposte a doppia valva e dotate di una corona di ciglia acuminate che sembrano ricordare i denti. Queste funzionano come una trappola ovvero si aprono molto lentamente ma sono in grado di richiudersi molto velocemente con un movimento a scatto sulla preda. Ciò gli è congeniale per catturare mosche e moscerini che costituiscono i loro insetti preferiti. Per questo è detta anche pianta acchiappamosche. Come tutte le piante carnivore, ama il sole ma tollera poco le basse temperature. I suoi fiori compaiono a inizio estate, solitamente nel mese di giugno, e sono costituiti da cinque petali bianchi. Le dionee vanno a riposo perdendo le loro foglie, invece, nel periodo invernale.

 

Clicca QUI o sull'immagine della dionea per vedere il video di cattura di un insetto.

PIANTE CARNIVORE: LA DROSERA

PIANTE CARNIVORE: LA DROSERA - EDUCAZIONE ALLA SALUTE

 

Piccole piante molto affascinati provviste di numerosi tentacoli in grado di produrre alle loro estremità una sostanza al tempo stesso zuccherina e collosa che prima attrae gli insetti per il suo gradevole gusto e poi li mantiene incollati a se stessa. Si parla, pertanto, di trappola adesiva.

 

Clicca QUI o sull'immagine della drosera per vedere il video di cattura di un insetto.

PIANTE CARNIVORE: LA SARRACENIA

PIANTE CARNIVORE: LA SARRACENIA - EDUCAZIONE ALLA SALUTE

 

Comprende otto specie diffuse nel nord America. La sua strategia di cattura dell'insetto si basa su bellissimi fiori in grado di produrre un gustosissimo nettare, foglie a struttura imbutiforme ricoperte di una sostanza cerosa in grado di facilitare la caduta al loro interno e una foglia a coperchio apicale in grado di mimetizzare la cavità interna in cui è contenuto un liquido ricco di enzimi digestivi

 

Clicca QUI o sull'immagine della sarracenia per vedere il video di cattura di un insetto.

PIANTE CARNIVORE: LA NEPENTHES

PIANTE CARNIVORE: LA NEPENTHES - EDUCAZIONE ALLA SALUTE

 

E' l'unica pianta carnivora che è preferibile tenere in casa in quanto può essere danneggiata sia dal troppo sole sia da climi molto rigidi. A differenza della dionea, della drosera e della sarracenia che si moltiplicano anche per divisione dei rizomi, la nepenthes si riproduce per talea di fusto. Le loro foglie emanano un intenso profumo in grado di attrarre le loro prede. Hanno, però, un aspetto caliciforme e sono colme di liquido digestivo che risulta letale per i malcapitati insetti. Essendo una pianta tropicale rampicante con viticci fogliari può raggiungere anche i 3 o 4 metri di altezza e, quindi, deve essere potata abbondantemente nel periodo primaverile.

 

Clicca QUI o sull'immagine della nepenthes per vedere il video di cattura di un insetto.

 

Recensione didattica e cultutale del Prof. Massimiliano Noseda. I diritti della serie televisiva "Junior pianta mordicchiosa/Little shop" sono di Marvel Productions, Saban International e Fox Children's Productions

© Riproduzione riservata