Home » teatro, cultura e salute » lo schiaccianoci

lo schiaccianoci

LO SCHIACCIANOCI: The Royal Ballet di Londra

LO SCHIACCIANOCI: The Royal Ballet di Londra - EDUCAZIONE ALLA SALUTE

 

                    LOCANDINA DE "Lo schiaccianoci"

                    della Royal Opera House di Londra

 

 

"Lo schiaccianoci" a teatro: un’esperienza unica senza cui il Natale non sarebbe lo stesso

 

Un grande classico che da sempre incanta grandi e piccini che con la sua magica atmosfera ci condurrà insieme a Clara e allo Schiaccianoci nel magico Regno dei Dolci... Come potergli resistere ?

 

Con la riproposizione del celebre balletto, The Royal Ballet festeggia pubblicamente il novantesimo compleanno di Peter Wright che ha curato nei minimi dettagli la coreografia di questa edizione 2016, basandosi sulla versione originale di Lev Ivanov. La sfavillante partitura di Tchaikovsky, eseguita dall’orchestra di Boris Gruzin, e il curatissimo design delle scene, accompagneranno gli spettatori in spettacolari balletti eseguiti in maniera impeccabile dal cast di The Royal Ballet, che vede tra i componenti Francesca Hayward ( Clara ), Alexander Campbell ( Schiaccianoci ), Gary Avis ( Mr. Drossemeyer ), Lauren Cuthbertson ( Fata Confetto ) e il Principe ( Federico Bonelli ). Grazie e Nexo digital e alla convenzione con alcuni cinema italiani della catena UCI cinema è possibile vederlo in diretta la sera del 8 dicembre 2016 alle ore 20.15.

 

"Lo schiaccianoci" è un balletto in due atti composto con musiche di Tchaikovsky realizzato tra gli anni 1891 e 1892. Si ispira al racconto "Schiaccianoci e il re dei topi" di E. T. A. Hoffmann ma nella versione riscritta in seguito da Alexander Dumas che risulta essere più leggera e meno cruenta rispetto al testo primitivo. 

 

Viene tipicamente proposto nel periodo natalizio in quanto la storia raccontata nelle trama si svolge effettivamente durante la notte di Natale. Nel primo atto il Sig. Drosselmeyer regala alla nipote Clara uno schiaccianoci. La piccola, dopo una serata di giochi, canti e balli, si addormenta esausta. Ma dopo la mezzanotte, tutto inizia a crescere intorno a lei: la sala, l'albero di Natale... Infine anche i soldatini del fratello Franz si animano e compare perfino un esercito di topi che tenta di rubarle lo schiaccianoci. Durante la battaglia, Clara, per salvare lo schiaccianoci, colpisce il Re dei topi con una scarpetta, tramortendolo. Sconfitto il malvagio rivale, i topi battono in ritirata e lo schiaccianoci acquista sembianze umane. Clara e Hans, ovvero lo schiaccianoci in carne e ossa, celebrano la vittoria ed entrano in una foresta innevata sulle note del celebre "Valzer dei fiocchi di neve". Nel secondo atto, la giovane coppia entra nel Regno dei Dolci. Qui incontrano la Fata Confetto a cui raccontano tutta la loro avventura e la sconfitta del Re dei topi. Seguono una serie di danze ( la cioccolata - danza spagnola; il caffè - danza araba; il tè - danza cinese; trepak - danza russa; danza degli zufoli; mamma Cicogna e i pulcinella ) che compongono il divertissment più famoso e conosciuto di Tchaikovsky e infine si balla il noto "Valzer dei fiori". Ma al momento del risveglio, per qualche istante, a Clara sembrerà di aver solo sognato. Tuttavia, il ritrovamento di una collanina rimasta al suo collo e l'incontro con un ragazzo ( Hans ) sul ponte, che le chiede indicazioni per la casa del Sig. Drosselmeyer, non lasceranno dubbi sul fatto di aver vissuto veramente quell'avventura e di aver rotto definitivamente l'incantesimo che lo aveva trasformato tempo prima nello schiaccianoci. Il Sig. Drosselmeyer può così riabbracciare il suo piccolo Hans. Si noti infine la struttura speculare della storia: il primo atto si svolge nel mondo reale e ha una parte finale fantastica mentre il secondo atto riguarda il mondo magico ma si conclude in quello reale.

 

"Lo schiaccianoci" è oggi uno dei balletti più noti e rappresentati nelle scuole di ballo di tutto il mondo. 

 

Vediamo insieme la sua struttura:

 

  • Overture in miniatura

 

Atto I

 

Scena prima

  • 1 L'ornamento, la decorazione e l'illuminazione dell'albero di Natale
  • 2 La marcia
  • 3 Il galopdei bambini -
  • 4 Arrivo del Sig. Drosselmeyer - Danza delle bambole meccaniche - Consegna dello Schiaccianoci a Clara
  • 5 Lo Schiaccianoci - Danza del nonno
  • 6 La partenza degli ospiti - La Notte
  • 7 La battaglia

 

Scena seconda

  • 8 Una foresta di abeti in inverno
  • 9 Valzer dei fiocchi di neve

 

 

Atto II

 

Scena prima

  • 10 Il Castello Magico sulla montagna dei dolciumi
  • 11 Arrivo di Clara e dello Schiaccianoci

 

  • 12 Divertissment
    • La Cioccolata - Danza spagnola
    • Il Caffè - Danza araba
    • Il Tè - Danza cinese
    • Trepak - Danza russa
    • Danza degli zufoli
    • Mamma Cicogna e i pulcinella
  • 13 Valzer dei fiori

 

Scena seconda

 

  • 14 Pas de deux:
    • Il Principe e la Fata Confetto - Entrata
    • Il Principe e la Fata Confetto - Variazione 1: Tarantella.
    • Il Principe e la Fata Confetto - Variazione 2: Danza della Fata Confetto.
    • Il Principe e la Fata Confetto - Coda
  • 15 Valzer finale e Apoteosi

 

Suite

 

  • I. Ouverture in miniatura
  • II. Danze caratteristiche
    • A Marcia
    • B Danza della Fata Confetto
    • C Danza russa - Trepak
    • D Danza araba
    • E Danza cinese
    • F Danza dei mirliton (zufoli)
  • III. Valzer dei fiori

 

Tra gli adattamenti per bambini meritano invece di essere ricordati una sequenza del film "Fantasia" della Disney del 1940, un film d'animazione di Paul Schibli del 1990 intitolato "La favola del principe schiaccianoci" e un'avventura di Barbie del 2001 dal titolo "Barbie e lo schiaccianoci". Nonostante le numerose licenze e variazioni dalla trama originali di questi ultimi due adattamenti, come avviene nel racconto originale, quello che sembrerebbe essere solo un sogno è invece sempre realtà in quanto, in entrambe le storie, il principe Hans si materializza in carne e ossa nel mondo reale alla fine del racconto fugando ogni dubbio sulla veridicità dell'avventura vissuta.

 

Clicca qui o sull'immagine del presente box per vedere il trailer italiano di presentazione de "Lo schiaccianoci" del Royal Ballet di Londra.

 

Recensione didattica e culturale Prof. Massimiliano Noseda

© Riproduzione riservata

 

LO SCHIACCIANOCI: IL TREPAK RUSSO

LO SCHIACCIANOCI: IL TREPAK RUSSO - EDUCAZIONE ALLA SALUTE

 

Il "trepak" è una tipica danza russa di origine cosacca in tempo veloce che costituisce, insieme al "Valzer dei fiori" e alla "Danza della Fata Confetto" una delle parti più note e riconoscibili del balletto "Lo schiaccianoci".

 

E' anche parte della suite, ovvero di una sorta di anteprima che Tchaikovsky propose al suo pubblico prima di terminare l'opera musicale e che nell'agosto del 1892 ebbe molto successo. Ciò costituì per il compositore motivo di stimolo ed incoraggiamento per scrivere il balletto nella versione definitiva che oggi tutti conosciamo e amiamo. 

 

Clicca sull'immagine di questo box per vederlo e ascoltarlo.

 

Citazione didattica e culturale.

© Riproduzione riservata

 

LO SCHIACCIANOCI: LA DANZA DELLA FATA CONFETTO

LO SCHIACCIANOCI: LA DANZA DELLA FATA CONFETTO - EDUCAZIONE ALLA SALUTE

 

                                LA FATA CONFETTO

                                  The Royal Ballet

 

Con "Lo schiaccianoci" venne inserito per la prima volta in un'orchestra un nuovo strumento musicale a percussione, denominato celesta, o celeste o anche celestino, di aspetto simile a un pianoforte, in grado di produrre il suono mediante il materiale stesso di cui è composto e senza necessità di ulteriori parti in tensione. E' oggi considerato una variante dello xilofono. Tchaikovsky lo vide per la prima volta l'anno prima a Parigi ( 1891 ) e dalla capitale francese se lo fece portare segretamente in Russia « così che altri non possano servirsi dei suoi effetti prima di me » come egli stesso scrisse. Decise quindi di utilizzarlo in alcuni passaggi del secondo atto ( Scene iniziali, Passo a due - Danza della Fata Confetto e Apoteosi ) associandolo al personaggio della Fata.

 

Ed è così che la celesta fece il suo debutto ufficiale nell'orchestra sinfonica nel 1892 con "Lo schiaccianoci" sebbene qualcuno sostenga invece che tale strumento venne impiegato per la prima volta in una piccola orchestra da Ernest Chausson nel dicembre del 1888 ne "La tempesta". In seguito fu utilizzata anche da Richard Strauss in "Ariadne auf Naxos" e da Giacomo Puccini nella "Tosca".

 

Clicca qui o sull'immagine di questo box per ascoltare "La danza della Fata Confetto" e il suono della celesta.

 

Citazione didattica e cultutale.

© Riproduzione riservata

 

LO SCHIACCIANOCI: IL FILM D'ANIMAZIONE FANTASIA DELLA DISNEY

LO SCHIACCIANOCI: IL FILM D'ANIMAZIONE FANTASIA DELLA DISNEY - EDUCAZIONE ALLA SALUTE

 

                     COPERTINA DEL DVD "FANTASIA"

                                      della Diseny

 

Nel film d'animazione "Fantasia" della Disney del 1940 viene proposta una sequenza dedicata a ciascuna delle 6 sezioni della suite de "Lo schiaccianoci". Possiamo infatti ritrovare:

 

  • La Danza della Fata Confetto animata con alcune fate colorate, dalla sagoma non troppo dissimile a Trilly di Peter Pan, che risvegliano il sottobosco con gocce di rugiada.
  • La Danza cinese proposta con un gruppo di sette funghi danzanti di cui uno, denominato Hop Low, non riesce mai ad integrarsi con gi altri.
  • La Danza degli zufoli animata con fiori azzurri, rosa e arancione, a cui si aggiunge un'ipotetica prima ballerina bianca, che danzano su di uno specchio d'acqua usando i propri petali come abiti da ballo dalle lunghe gonne.
  • La Danza araba animata in un fondale marino in cui un gruppo di pesci prima rossi e poi neri, attorno ad una prima ballerina bianca, si esibiscono in una lenta danza orientale muovendo le pinne e la loro lunga coda come fossero veli. I pesci hanno le vaghe sembianze di Cleo, il pesce che compare in Pinocchio, film d'animazione della Disney sempre del 1940.
  • La Danza russa proposta con un balletto veloce tra fiori di colori diversi ma di due tipologie e metafora dell'uomo e della donna.
  • Il Valzer dei Fiori animato prima con le fate dell'autunno, che cambiano il colore alle foglie e le fanno cadere, e poi con le fate invernali che inizialmente con la brina e successivamente con la neve imbiancano il paesaggio pattinando e danzando sul lago ghiacciato.

 

Clicca sul nome in verde delle relative danze per vedere i video relativi su youtube.

 

Recensione didattica e cultutale. Tutti i diritti del prodotto sono di Disney.

© Riproduzione riservata